Coronavirus in Svezia: la seconda ondata

Coronavirus in Svezia: la seconda ondata 1

Sul tema del Coronavirus in Svezia se ne sono ormai sentite tante, un po’ in tutto il mondo. Esperti e meno esperti, luminari più o meno illuminati, giornalisti competenti (pochi) e quelli da strapazzo (un po’ di più), comuni cittadini, complottisti e chi più ne ha più ne metta: molti hanno detto la loro già durante la scorsa primavera, quando nessuno poteva ancora avere gli strumenti per capire cosa stesse succedendo davvero. Parecchi hanno preso posizione in modo chiaro e inequivoco: chi ha difeso a spada tratta la strategia svedese (magari criticando al contempo quella italiana); chi, viceversa, si è scagliato da subito e con fervore contro il lassismo e le ormai famose raccomandazioni delle autorità svedesi, evocando magari scenari apocalittici.