Una catastrofe mai vista

L'incendio in Västermanland - Foto: AnonSweden
L’incendio in Västermanland – Foto: AnonSweden

Qualche giorno fa abbiamo parlato dello spaventoso incendio che ha colpito la regione svedese dello Västmanland. Al momento la situazione non è ancora sotto controllo: centinaia di uomini sono sul campo e quattro Canadair, due francesi e due italiani, stanno cercando di limitare l’espandersi del rogo. Un rogo che ha distrutto sin qui il corrispettivo di 28.000 campi da calcio e di cui si è percepito l’intenso odore anche a Stoccolma durante la scorsa notte e le prime ore di questa mattina.

Una catastrofe mai vista, tanto che anche il Re Carlo XVI Gustavo e il Primo Ministro svedese, Fredrik Reinfeldt, si sono recati nei luoghi colpiti.

Le polemiche sull’accaduto non si sono fatte attendere, così come i rimbalzi di responsabilità: la mancata prevenzione e – soprattutto – l’inadeguatezza dei mezzi antincendio svedesi sono sotto accusa, forse senza troppo torto. In ogni caso, l’auspicio ovvio è che ora ci si concentri sull’incendio. Limitare i già enormi danni e aiutare la popolazione colpita sarebbe una grande cosa.

Condividi:
Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indice

Ti potrebbero interessare
La Avicii Arena
Globen cambia nome: ecco la Avicii Arena

Tim Bergling è un ragazzo di Stoccolma, timido ed introverso, cresciuto nel ricco quartiere di Östermalm. Appassionato di musica house sin dalla prima adolescenza, all’età

gelati svedesi a domicilio
Hemglass: il gelato a domicilio

“Il carretto passava e quell’uomo gridava: gelati!“. Così si apre la famosissima canzone “I giardini di marzo”, una delle più belle e profonde scritte dal

7 april jonathan johansson
7 april [Jonathan Johansson]

[vc_row][vc_column][vc_column_text] Chi era a Stoccolma ricorda perfettamente quel maledetto giorno. Anch’io ho ben chiari nella mente quegli attimi: se avessi deciso di prendere la metro