In chiesa con il bancomat

In Svezia l’uso del contante sta diventando sempre meno popolare. Le banconote e le varie monete circolano ancora senza problemi, sia chiaro, ma le carte di credito/bancomat ed altre nuove e moderne modalità di pagamento (ad esempio, applicazioni smartphone), cominciano a lasciare sempre più spazio vuoto nei portafogli svedesi. Almeno fisicamente.

kollektomatAnche la Chiesa Svedese, già da qualche anno, è corsa ai ripari. I fedeli ed i visitatori di alcune chiese del Paese, che magari vogliono lasciare un’offerta o contribuire alle attività della Chiesa stessa, non devono preoccuparsi di portare con sé banconote o monete.

Dunque, come fare? C’è il kollektomat

All’ingresso di tali luoghi di culto si può trovare una sorta di sportello automatico munito di touchscreen (per selezionare il destinatario della propria offerta) e di dispositivo per il pagamento con carta. Tra i possibili destinatari della somma ci possono essere organizzazioni giovanili, i cori della congregazione, i lavori di amministrazione e cura del relativo edificio, le attività sociali ed internazionali della Chiesa Svedese ed altro ancora. Ovviamente è anche possibile, con questo metodo, accendere la classica candela.

Tradizione e modernità che si conciliano alla perfezione, dunque. Non trovate?

Condividi:
Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indice

Ti potrebbero interessare
La Avicii Arena
Globen cambia nome: ecco la Avicii Arena

Tim Bergling è un ragazzo di Stoccolma, timido ed introverso, cresciuto nel ricco quartiere di Östermalm. Appassionato di musica house sin dalla prima adolescenza, all’età

gelati svedesi a domicilio
Hemglass: il gelato a domicilio

“Il carretto passava e quell’uomo gridava: gelati!“. Così si apre la famosissima canzone “I giardini di marzo”, una delle più belle e profonde scritte dal

7 april jonathan johansson
7 april [Jonathan Johansson]

[vc_row][vc_column][vc_column_text] Chi era a Stoccolma ricorda perfettamente quel maledetto giorno. Anch’io ho ben chiari nella mente quegli attimi: se avessi deciso di prendere la metro