Stoccolma e la Svezia
COME NESSUNO TE LE HA ANCORA RACCONTATE​
Federico Puggioni

Federico Puggioni

Nato a Cagliari, ho studiato a Bologna e Copenhagen. Vivo a Stoccolma dal 2006 dove lavoro come insegnante e guida della città. Sono blogger freelance dal 2005 ed ho collaborato con alcune testate giornalistiche con articoli su Stoccolma e la Svezia. Nel 2014 ho fondato StockholMania Tours, portale attraverso cui offro visite guidate di Stoccolma e dintorni.
Le nostre visite guidate

StockholMania Tours organizza numerose tipologie di tour e visite guidate a Stoccolma e nei suoi dintorni. Dalle passeggiate nei quartieri cittadini, alle visite dei musei e delle principali attrazioni, passando per diversi tour tematici, itinerari ed escursioni fuoriporta.

Ti abbiamo incuriosito?

Categorie

Tempo di kräftor

I kräftor, i gamberi di fiume, sono i protagonisti culinari di una delle tradizioni svedesi di fine estate. Una delle poche ricorrenze, è il caso di dirlo, in cui le caratteristiche polpette di carne, le aringhe e le patate non hanno un ruolo principale nelle tavole di Svezia.

La tradizione dei kräftor nasce circa un centinaio di anni fa, allorché nei fiumi svedesi si diffuse la così chiamata “peste del gambero”: una sindrome che colpì – per l’appunto – tale specie animale. Si cominciò allora ad importare grandi quantità di questi crostacei da Paesi come Turchia, Cina e Spagna, il che comportò un radicale aumento dei consumi.

Furono le classi sociali più ricche ad inaugurare la ricorrenza: a partire dalle prime settimane di agosto, ci si abituò a riunirsi attorno ad un tavolo per mangiare i gamberi e bere birra ed acquavite.

È solo a partire dagli anni Sessanta che la festa si è diffusa anche tra le classi popolari, fino a diventare un must per migliaia di svedesi.

I gamberi vengono bolliti in una salamoia che può contenere anche birra, aneto o altre spezie (ma si trovano anche già pronti), e si mangiano solitamente con pane, patate, formaggio o con il tradizionale Västerbottenpaj (qui la ricetta!). Non può ovviamente mancare da bere: birra e acquavite la fanno, come da tradizione, da padrone.

E tra un brindisi e l’altro si canta: esistono delle particolari canzoncine – chiamate “canzoni del cin-cin” o “canzoni dell’acquavite” o ancora “canzoni dello shot” – che rallegrano sicuramente la serata. Inoltre, esistono delle decorazioni adatte alla ricorrenza: vestiti, cappellini, tovaglie e tovaglioli, bavaglini, lampade. Tutte con a tema il gambero di fiume!

I gamberi di fiume
I gamberi di fiume

Facebook
WhatsApp
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Email

Ti potrebbero interessare...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *