Sposarsi nel Municipio di Stoccolma? Possibile!

Sposarsi nella piccola Sala Ovale del Municipio di Stoccolma è diventata ormai una moda. Sono veramente in tanti a decidere di pronunciare il fatidico “sì” in questa cornice particolare: i residenti, certo, ma anche numerosissimi cittadini stranieri che, affascinati dal luogo in assoluto più simbolico di Stoccolma, pagano 800 corone e si mettono in lista d’attesa. Sì, perché la fila da fare è parecchia: quattro-cinque mesi in media…

Scegliere di sposarsi qui non è comunque una scelta da tutti, se si considerano – ad esempio – alcuni dettagli: i matrimoni si celebrano esclusivamente il sabato pomeriggio tra le ore 12 e le 18, si può scegliere tra la cerimonia “lunga” di 3 minuti e quella “corta” di soli 30 secondi (!!!), gli ospiti ammessi nella Sala Ovale sono soltanto 15 e…il lancio di riso è severamente proibito!

Chi fosse interessato a un matrimonio particolare può quindi cliccare qui e seguire le varie procedure (ovviamente ci si può “iscrivere” via internet!). E se ci fosse la necessità di testimoni…contattateci pure! 🙂

matrimonio a stoccolma stadshuset

[StockholMania Tours organizza visite guidate in italiano del Municipio di Stoccolma. Clicca qui per maggiori informazioni]

Condividi:
Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indice

Ti potrebbero interessare
La Avicii Arena
Globen cambia nome: ecco la Avicii Arena

Tim Bergling è un ragazzo di Stoccolma, timido ed introverso, cresciuto nel ricco quartiere di Östermalm. Appassionato di musica house sin dalla prima adolescenza, all’età

gelati svedesi a domicilio
Hemglass: il gelato a domicilio

“Il carretto passava e quell’uomo gridava: gelati!“. Così si apre la famosissima canzone “I giardini di marzo”, una delle più belle e profonde scritte dal

7 april jonathan johansson
7 april [Jonathan Johansson]

[vc_row][vc_column][vc_column_text] Chi era a Stoccolma ricorda perfettamente quel maledetto giorno. Anch’io ho ben chiari nella mente quegli attimi: se avessi deciso di prendere la metro