10 anni fa: il matrimonio della principessa Victoria di Svezia

Il discorso di Victoria dal Palazzo Reale

Esattamente dieci anni fa, il 19 giugno 2010, si sposava la principessa ereditaria svedese Victoria. Il fortunato? Il suo personal trainer, Daniel Westling.

Strategica la data scelta: la stessa del matrimonio del padre, l’attuale Re Carl XVI Gustav con la Regina Silvia (1976), di quello del principe Oscar (I) con Josefina (1823) e di quello del Re Karl XV con Lovisa (1850).

Vista la bella giornata, presi la bicicletta e andai a curiosare in centro città: nonostante la mia allergia al gossip e alla mondanità in generale, si trattava comunque di una giornata storica. Il matrimonio di una futura regina non capita certo tutti i giorni. E per giunta, si trattava del primo matrimonio in assoluto di una principessa ereditaria qui in Svezia.

Che bella era Stoccolma, pulita e tirata a lucido per l’occasione, con gente di tutti i tipi e di tutte le generazioni ad assiepare le strade del corteo, le banchine dei canali ed – ovviamente – i dintorni del Palazzo Reale nel centro storico di Gamla Stan.

Ecco qualche foto che ho scattato quel giorno con una delle mie prime digitali.

Condividi:
Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indice

Ti potrebbero interessare
La Avicii Arena
Globen cambia nome: ecco la Avicii Arena

Tim Bergling è un ragazzo di Stoccolma, timido ed introverso, cresciuto nel ricco quartiere di Östermalm. Appassionato di musica house sin dalla prima adolescenza, all’età

gelati svedesi a domicilio
Hemglass: il gelato a domicilio

“Il carretto passava e quell’uomo gridava: gelati!“. Così si apre la famosissima canzone “I giardini di marzo”, una delle più belle e profonde scritte dal

7 april jonathan johansson
7 april [Jonathan Johansson]

[vc_row][vc_column][vc_column_text] Chi era a Stoccolma ricorda perfettamente quel maledetto giorno. Anch’io ho ben chiari nella mente quegli attimi: se avessi deciso di prendere la metro