Scale mobili? Meglio di no

scalemobiliTutto è cominciato nella giornata di sabato scorso, 14 febbraio. Siamo nella stazione metro di Östermalmstorg, una delle più frequentate del centro di Stoccolma. Una donna prende le scale mobili per dirigersi all’uscita, ma qualcosa va storto: uno dei gradini della scala, improvvisamente, si rompe. La donna cade e la sua gamba si incastra negli ingranaggi. Le operazioni di salvataggio durano più di un’ora. La donna è cosciente, ma ha una profonda ferita alla gamba e viene portata all’ospedale.

Il provvedimento di SL, l’azienda di trasporti pubblici di Stoccolma e hinterland, non tarda ad arrivare: si decide di spegnere immediatamente numerose scale mobili (dello stesso modello di quella incriminata) sparse in varie stazioni metro della città.

Oggi, a distanza di una settimana, le scale mobili fuori funzione sono 39. SL ha stampato ed appeso locandine d’avviso un po’ in tutta la linea metro; e parte del personale è stato incaricato di presidiare le scale in questione e di consegnare dei volantini informativi. Non si sa, al momento, quanto questa strana situazione potrà durare. C’è chi parla di giorni, c’è chi di mesi.

Ciò che si sa con certezza è che il numero di incidenti nelle scale mobili di Stoccolma è in sostanziale aumento: se nel 2010 le persone che hanno denunciato un incidente sono state 85, l’anno scorso il numero è salito a 241. In questi primi due mesi del 2015 sono già 33 i casi conosciuti.

Il personale ed i tecnici di SL e di MTR (l’azienda che gestisce attivamente le linee ferroviarie urbane) tengono a precisare che molto spesso – per non dire sempre – la responsabilità di tali incidenti è del passeggero della scala: la disattenzione, o la negligenza nell’indossare abiti, scarpe e borse, sono le cause principali di questi episodi. Ed altrettanto spesso sono lo stress e la frenesia della vita quotidiana a contribuire alla situazione.

Insomma, andiamoci e andateci piano!

Informazione pratica per chi si trova a Stoccolma in questi giorni: le scale mobili non funzionanti possono comunque essere percorse a piedi. Le stazioni interessate sono:

  • Hötorget – scale al centro della piattaforma per l’uscita Hötorget e quella per l’uscita Sveavägen/Sergelgatan.
  • Rådmansgatan – scala per l’uscita Tegnergatan.rulltrappor
  • Odenplan – scala per l’uscita Odenplan.
  • S:t Eriksplan – tutte le scale della stazione.
  • Östermalmstorg – tutte le scale della stazione.
  • T-Centralen – 6 scale da/per la linea rossa e la linea verde.
  • Slussen – scale per l’uscita Hökens gata/Götgatan.
  • Mariatorget – una delle scale per l’uscita Torkel Knutssonsgatan.
  • Zinkensdamm – tutte le scale della stazione.
  • Hornstull – scale per l’uscita Hornsbruksgatan.
  • Skanstull – scale per l’uscita Allhelgonagatan.

 

Fonti: DN e SL
Condividi:
Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indice

Ti potrebbero interessare
La Avicii Arena
Globen cambia nome: ecco la Avicii Arena

Tim Bergling è un ragazzo di Stoccolma, timido ed introverso, cresciuto nel ricco quartiere di Östermalm. Appassionato di musica house sin dalla prima adolescenza, all’età

gelati svedesi a domicilio
Hemglass: il gelato a domicilio

“Il carretto passava e quell’uomo gridava: gelati!“. Così si apre la famosissima canzone “I giardini di marzo”, una delle più belle e profonde scritte dal

7 april jonathan johansson
7 april [Jonathan Johansson]

[vc_row][vc_column][vc_column_text] Chi era a Stoccolma ricorda perfettamente quel maledetto giorno. Anch’io ho ben chiari nella mente quegli attimi: se avessi deciso di prendere la metro