Federico Puggioni

Federico Puggioni

Nato a Cagliari, ho studiato a Bologna e Copenhagen. Vivo a Stoccolma dal 2006 dove lavoro come insegnante e guida della città. Sono blogger freelance dal 2005 ed ho collaborato con alcune testate giornalistiche con articoli su Stoccolma e la Svezia. Nel 2014 ho fondato StockholMania Tours, portale attraverso cui offro visite guidate di Stoccolma e dintorni.

Le nostre visite guidate

StockholMania Tours organizza numerose tipologie di tour e visite guidate a Stoccolma e nei suoi dintorni. Dalle passeggiate nei quartieri cittadini, alle visite dei musei e delle principali attrazioni, passando per diversi tour tematici, itinerari ed escursioni fuoriporta.

Ti abbiamo incuriosito?

Categorie

Tra Grazia Deledda, esalettura e Premi Nobel

Una produzione tanto abbondante quanto prestigiosa, poco studiata nelle scuole, poco accessibile e di conseguenza poco conosciuta. Parliamo dell’opera di Grazia Deledda, scrittrice sarda, una delle primissime donne a vincere il Premio Nobel: la prima italiana in assoluto, la seconda in riferimento al solo premio per la Letteratura.

Correva il 1927 quando, accompagnata dal marito, sfidò il freddo di Stoccolma: simile a quello della sua Nùoro, ma non esattamente la stessa cosa. Ritirò allora il Premio dell’anno precedente, ufficialmente non conferito per mancanza di candidati, partecipò al banchetto presso il Grand Hotel e visitò l’Ambasciata italiana nell’isola di Djurgården. Il premio fu senza dubbio il suggello della sua carriera, figlia della sua temerarietà, capacità ed intelligenza. E di una rete di contatti notevolissima per l’epoca: basti citare, soltanto per fare un esempio, Carl Bildt, uno dei membri dell’Accademia Svedese (nonché ex ambasciatore a Roma) che la candidò al prestigioso premio per ben nove volte in dieci anni!

Grazia Deledda, con il tempo, non è stata dimenticata. Almeno non da tutti. In Sardegna costituisce ancora una delle fondamenta del nostro orgoglio, della nostra forte identità, benché di più si sarebbe potuto fare e tanto si potrebbe ancora fare per promuovere ed omaggiare questa incredibile donna.

La bellissima idea dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, sezione di Nùoro, va proprio in questa direzione: il progetto, chiamato “Grazia Deledda in esalettura”, ha come scopo principale quello di far conoscere e di diffondere l’opera di Grazia Deledda il più possibile. Come? Rendendo accessibili a tutti le sue pagine. Le pubblicazioni (al momento due), oltre che su cartaceo, sono disponibili infatti su altri cinque supporti, tra cui ovviamente il braille. 

Di questo progetto si è parlato ieri sera durante un evento tenuto all’Istituto italiano di cultura di Stoccolma, con ospite la stessa sezione UICI di Nùoro. Emozionanti le letture (tenute sia vedenti che da non-vedenti), interessante la lezione della Professoressa emerita di lingua italiana all’Università di Stoccolma Luminitza Beiu-Paladi e apprezzata l’iniziativa di regalare a tutti i partecipanti la raccolta di racconti Chiaroscuro!

Da sardo a Stoccolma non potevo di certo mancare.

Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email

Ti potrebbero interessare...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *